Lettori fissi

Archivio blog

martedì 24 agosto 2010

Qesta poesia/preghiera è stata ritrovata in una chiesa di Baltimora opera di un anonimo del 1692. E’sempre stata distribuita gratuitamente. Il sig. Baudo con i soldi dei contribuenti Rai (300 milioni delle vecchie lire + spese di vitto e soggiorno) l’ha fatta declamare in un italiano stentoreo alla sig. Sharon Stone durante il festival di Sanremo. La ripropongo in tutta la sua gratuità e bellezza alla riflessione ed all’apprezzamento di tutti coloro che ne fossero interessati.

 Passa tranquillamente tra il rumore e la fretta, e ricorda quanta pace può esserci nel silenzio.
Finché è possibile senza doverti abbassare, sii in buoni rapporti con tutte le persone.
Dì la verità con calma e chiarezza e ascolta gli altri, anche i noiosi e gli ignoranti, anche loro hanno una storia da raccontare.
Evita le persone volgari ed aggressive esse opprimono lo spirito.
Se ti paragoni agli altri, corri il rischio di far crescere in te orgoglio e acredine perché sempre ci saranno persone più in basso o più in alto di te.
Gioisci dei tuoi risultati così come dei tuoi progetti. Conserva l'interesse per il tuo lavoro, per quanto umile; è ciò che realmente possiedi per cambiare le sorti del tempo.
Sii prudente nei tuoi affari, perché il mondo è pieno di tranelli, ma ciò non accechi la tua capacità di distinguere la virtù; molte persone lottano per grandi ideali, e dovunque la vita è piena di eroismo.
Sii te stesso.
Soprattutto non fingere negli affetti e neppure sii cinico riguardo all'amore; poiché a dispetto di tutte le aridità e disillusioni esso è perenne come l'erba.
Accetta benevolmente gli ammaestramenti che derivano dall'età, lasciando con un sorriso sereno le cose della giovinezza.
Coltiva la forza dello spirito per difenderti contro l'improvvisa sfortuna ma non tormentarti con l'immaginazione.
Molte paure nascono dalla stanchezza e dalla solitudine. 
Al di là di una disciplina morale, sii tranquillo con te stesso, tu sei un figlio dell'universo, non meno degli alberi e delle stelle, tu hai diritto ad essere qui e che ti sia chiaro o no, non vi è dubbio che l'universo ti si stia schiudendo come dovrebbe.
Sii in pace con Dio, comunque tu lo concepisca, e qualunque siano le tue lotte e le tue aspirazioni, conserva la pace con la tua anima pur nella rumorosa confusione della vita; con tutti i suoi inganni, i lavori ingrati e i sogni infranti, è ancora un mondo stupendo.
Fai attenzione. Cerca di essere felice.

                                                                                                               Baltimora, anno domini 1692
                                                                                     Baltimora, anno domini 1692

Nessun commento:

Posta un commento