Lettori fissi

Archivio blog

sabato 23 aprile 2011

Il mistero Pasquale.
        La creazione va intesa come posizione della libertà; la creazione coincide con la nascita della libertà... Ma la liberta è, per l'appunto, libera, incontrollabile, è tutti contro tutti, ognuno che si sente centro del mondo; la libertà si declina come caos, come lotta, a volte anche come amore.
La creazione, che coincide con la posizione della libertà, viene così a coincidere con la contraddizione nella quale siamo gettati... Il Figlio fin dall'inizio è colui che riceve la missione da parte del Padre di trasformare questo ambiguo nesso originario nella legge dell'amore.
È immolato dalla fondazione del mondo, perché da sempre è destinato a questa riconduzione della libertà indifferente della creazione ad una libertà che scelga il bene, il bello, il vero; a una libertà che coincida con l'amore, da sperimentare nel tempo del mondo, da vivere nella sua piena realizzazione nel tempo senza fine.  

Nessun commento:

Posta un commento