Lettori fissi

Archivio blog

sabato 21 settembre 2013

CHIESA: FAMIGLIA DI FAMIGLIE


           Parrocchie di San Rocco e San Lorenzo Martire                

CHIESA: FAMIGLIA DI FAMIGLIE

1-  Crisi di fede in famiglia,

Spesso ci capita di sentire frasi tipo: “Io credo a Gesù ma non voglio sentir parlare della  Istituzione Chiesa e dei preti, del vaticano, delle gerarchie ecclesiastiche...” e questo ci deve provocare nel profondo della nostra fede. Per noi sarebbe impossibile una Chiesa senza Cristo suo fondatore e capo ancora oggi presente e vivo in essa, senza Pietro su cui Cristo ha fondato la sua Chiesa, senza la ricchezza del dono dei sacramenti. Questa situazione di rifiuto si verifica talvolta anche nelle nostre famiglie, o introdotta dall'esterno, ad esempio la ragazza o il ragazzo di un nostro figlio/a, oppure perché sorge all'interno stesso del nostro contesto familiare. Un figlio/a che manifesta questa convinzione può divenire occasione di “crisi/dubbio” nei genitori che si chiedono: “In che cosa abbiamo sbagliato? Perché non siamo stati credibili nel nostro annuncio con i figli?” Addirittura questa difficoltà di fede può generare difficoltà in noi stessi a vivere quanto il Credo ci indica.

“Occorre quindi fare chiarezza su alcuni punti fondamentali di Chiesa come Popolo di Dio”

Innanzi tutto va detto che di questo concetto si è riappropriato, mettendolo in risalto,  il concilio Vaticano II e con esso, si intendono evidenziare due verità importanti:

 

-       La prima:

-        il carattere storico della Chiesa.

La Chiesa, erede del popolo dell’Antica Alleanza ampliato e redento da Cristo, non è una realtà disincarnata, che sta fuori o al di sopra della storia, ma una realtà inserita nel tempo, un popolo in cammino, che non cammina in disparte ma in mezzo agli altri popoli, condividendone i problemi, le difficoltà, le angosce, chiamata ad operare per le strade del mondo come il buon samaritano e il buon pastore.


- La seconda:

- la Chiesa è il popolo messianico che ha ereditato gli uffici messianici di Cristo.

l'ufficio sacerdotale, per cui si offre come vittima viva, santa, gradita a Dio per la salvezza di tutti gli uomini; l'ufficio profetico, per cui diviene messaggero del Vangelo inviato a tutte le genti, e l'ufficio regale, per cui ha il potere di instaurare il regno di Dio in questo mondo.

 
Questi uffici sono di tutto il popolo e di tutti i suoi membri; sicché non soltanto la gerarchia, ma anche tutti i fedeli sono investiti degli uffici del sacerdozio (sacerdozio comune dei fedeli), della profezia (dell'annuncio del Vangelo e pertanto del dovere missionario) e della regalità mediante il servizio (per instaurare il regno di Dio in questo mondo).

2-  Credo la santa Chiesa cattolica

La Chiesa è composta da coloro che professano e vivono il Credo. Il fatto di scoprire che la Chiesa è dove si vive la fede apre a un profondo senso di corresponsabilità sia al suo interno che all'esterno. Al suo interno ci impegna a un dialogo con le diverse realtà educative: oratorio, catechesi, animazione, movimenti, gruppi sportivi. Al suo esterno ci impegna in una prospettiva missionaria: annunciare la fede nel mondo del lavoro, dove i nostri figli studiano, nelle nostre abitazioni, nelle relazioni interpersonali, nelle varie istituzioni in cui possiamo essere presenti, rivolgendosi a tutti gli uomini di buona volontà e a coloro che ancora devono scoprirsi parte del Popolo di Dio in cammino in questa realtà terrena. Vivere la fede nella Chiesa per le nostre famiglie è partecipare alla comunità cristiana con la consapevolezza che in forza del sacramento del matrimonio ogni famiglia è una Chiesa domestica; realtà nella quale lo Spirito agisce e alla quale ha elargito i suoi doni.

3-  Questa è la nostra fede

Il rinnovamento della Chiesa passa anche attraverso la testimonianza offerta dalla vita dei credenti; con la loro stessa esistenza nel mondo i cristiani sono infatti chiamati a far risplendere la Parola di verità che il Signore Gesù ci ha lasciato. L’Anno della fede, in questa prospettiva, è stato un invito ad un'autentica e rinnovata conversione al Signore, unico Salvatore del mondo e alla Chiesa Popolo di Dio in cammino quale sacramento di Cristo nel mondo. Nel mistero della sua morte e risurrezione, Dio ha rivelato in pienezza l'Amore che salva e chiama gli uomini alla conversione di vita mediante la remissione dei peccati nella gioia del perdono.

Per l'apostolo Paolo, grazie alla fede e al battesimo l’uomo viene introdotto in una nuova vita e in una comunità di fratelli: la Chiesa corpo di Cristo animata dalla carità. In quanto corpo di Cristo, la comunione è l'anima della Chiesa. La fede in Dio Trinità ci dice che la comunione è possibile ed è un dono che accogliamo da Lui; è grazia e non la somma dei nostri sforzi o il frutto delle nostre buone volontà. Ciò che ci fa diventare costruttori di comunione è prima di tutto il credere all'amore di Cristo, che ha dato il suo sangue per ogni uomo e donna. Ciò significa vivere la comunione come un'esigenza oggettiva della nostra fede, uniti a tutta la Chiesa universale, e senza cadere in arbitrarie selezioni di persone e di compiti ecclesiali. La Chiesa è una: nonostante la diversità di popoli e culture; ci sono vincoli di unità, quali la professione di fede, la celebrazione comune dei sacramenti, la successione apostolica. Sappiamo che ci sono ferite che hanno provocato scismi, come quello con la Chiesa Ortodossa, Protestante o Anglicana. La Chiesa è santa perché santo è il suo fondatore e perché essa stessa strumento di santificazione, nei sacramenti.

La Chiesa è cattolica, cioè universale perché in essa è  pienamente presente Cristo e perché la missione della Chiesa è per tutto il genere umano. Ogni Chiesa locale esprime le caratteristiche della Chiesa universale, unita a quella di Roma che “presiede nella carità”.

La chiesa è presente poi nelle parrocchie e in esse c’è una ulteriore presenza speciale della Chiesa: la famiglia piccola Chiesa o Chiesa domestica. Ogni parrocchie è e dovrebbe sempre più essere una famiglia di famiglie.

4- La Chiesa domestica

La famiglia cristiana è stata chiamata dal Concilio Vaticano II “Chiesa domestica”.  E’ giusto sottolineare  tre analogie fondamentali tra la Chiesa e la famiglia. Come la Chiesa, anche la famiglia è: Vocazione - Mistero - Ministero.

a)  Famiglia come vocazione

Come la Chiesa, la famiglia è una comunità di chiamati dall’amore di Dio alla santità, a fare l’esperienza di un amore più grande. Il Signore chiede agli sposi cristiani di amarsi di un amore che renda presente l’amore di Cristo per la sua Chiesa e per l’umanità (Ef 5,23): amore fedele, irrevocabile, amore misericordioso e gratuito, amore crocifisso, amore aperto a tutti. Dio non chiede nulla senza donare ciò che chiede: Lui ama per primo e ci mette sempre in condizioni di rispondere, se lo accogliamo e diciamo il nostro “sì” fidandoci pienamente di Lui.   L’amore coniugale è partecipazione alla vita trinitaria, è segno dell’amore con cui il Padre e il Figlio si amano, un amore così forte che diventa persona (Spirito Santo) ed è l’amore, la fonte dell’indissolubilità del Matrimonio Sacramento. Questa unione non è un impegno legale, ma una realtà mistica: le Tre Persone abitano il cuore di chi crede e rendono possibile una fedeltà senza ripensamenti se Dio è la fonte perenne ed inesauribile del nostro amore. Il matrimonio è cammino verso questa pienezza: come ogni cammino finirà, ma camminando avremo imparato ad amare. Ogni credente vive un rapporto di coniugalità con l’Assoluto e lo costruisce nella preghiera personale. Ai coniugi sono anche chiesti momenti di preghiera di coppia e di famiglia, perché, come l’amicizia si costruisce con la presenza, con il dialogo, così l’amicizia con Dio si costruisce con la preghiera  e la vita sacramentale che sono il dialogare con DIO.


b)  Famiglia come mistero

Il “mistero” che la famiglia vive in analogia con il mistero della comunità ecclesiale, è l’essere segno e strumento dell’amore che salva. Non sempre la famiglia è ciò che dovrebbe essere, ma conosce momenti di amore e di peccato, di slancio e di arresto, come la Chiesa nel suo cammino verso la Salvezza. E’ la fedeltà di Dio l’unica fonte di speranza. Per l’una e per l’altra,( chiesa e famiglia) nonostante ogni cedimento, rimangono punto fermo i Sacramenti, con i quali si è fortificati ed arricchiti dalla vita di Cristo che ci viene donata. La Chiesa genera, educa, edifica la famiglia cristiana; questa, a sua volta, genera e cresce figli. I figli sono mistero per i genitori, come sono mistero per la Chiesa i suoi figli. La famiglia, come la Chiesa, è sollecita verso ogni figlio, lo segue, lo ama, lo educa, desidera che sia fedele, ma è impotente di fronte ai suoi rifiuti, di fronte al suo allontanamento. Sia la Chiesa che la famiglia devono primariamente avere la capacità di vivere di accettazione, di attesa orante, di accoglienza, di perdono. Modello di questo è Gesù che chiede al Padre di perdonare coloro che non sanno quello che fanno e a Maria di accettare in Giovanni tutti gli uomini, anche chi lo stava uccidendo. Egli continua a chiedere questo a noi, oggi: amore, fedeltà, perdono.

c)  Famiglia come ministero

La famiglia è piccola Chiesa nel suo “ministero”: è comunità di persone chiamate al servizio del mondo. Solo l’amore vero, autentico è un amore aperto a tutti, non chiuso nella piccola cerchia delle mura domestiche, concentrato solo su se stesso, ma aperto e attento ad un orizzonte più ampio.

L’amore che non viene messo al servizio degli altri è un dono destinato a svilirsi, perché è un “egoismo a due” contrabbandato come amore. In base a come si intende e si vive l’amore, il matrimonio esiste o cessa di essere o si interrompe. Spesso la nostra vita è come una strada soggetta a smottamenti. Per riparare una strada si rifà il terrapieno; per ristabilire l’amore si vive il Sacramento della Riconciliazione perché il perdono rifà nuove tutte le cose. La qualità dell’amore determina anche il rapporto con i figli.  Una forzata ed esasperante progettualità su di loro diventa egoismo, perché i genitori a volte dimenticano di essere solo custodi, animatori della loro vita, mai padroni. I figli sono fratelli nella fede, esseri liberi e misteriosi affidati ai genitori, perché diventino adulti secondo i loro talenti. E’ egoismo pretendere o dare per scontato che i fratelli a priori si debbano voler bene l’un l’altro o che siano generosi con gli amici; impareranno a volersi bene e ad essere generosi solo dopo una lenta opera di testimonianza vissuta, che insegnerà loro a riflettere e a scegliere.  La famiglia ricca di fecondità è quella che esce dai limiti della sua casa, si apre alle altre coppie, ai problemi, alle gioie, alle sofferenze degli altri, ai bisogni di giustizia, di solidarietà di tutti, è attenta ai piccoli, ai poveri e fonda il suo essere in Dio Padre dispensatore di ogni bene, è la famiglia che ogni giorno costruisce pazientemente l’amore che vive e in cui crede anche nei piccoli gesti.

Nella comunità cristiana la famiglia porterà il suo stile di accoglienza, di calore, di perdono, e dallo stile della liturgia nella quale sempre e dovunque la comunità si manifesta e rende grazie al Signore, imparerà il mistero della Provvidenza, il valore insostituibile della gratitudine, sarà capace di uno sguardo di benevolenza verso tutti i fratelli, imparerà a rendere grazie per le presenze e le diversità, per le piccole e grandi realtà quotidiane con le loro luci e con le loro  ombre, vivrà la grazia e la gioia del perdono.

Momento di scambio e dialogo comune

Domande per il singolo

1.   Davanti a uno che dice “Cristo sì, la Chiesa no”, fino a che punto sono disposto/a a testimoniare che io “credo la santa Chiesa cattolica”?

2.   Come reagisco alle obiezioni alla santità della Chiesa? Come posso far cogliere il mistero della Chiesa a chi non lo conosce?

3.   Mi sforzo di cogliere il mistero di Chiesa presente nella mia comunità parrocchiale con tutti i limiti che riconosco?


Domande per la coppia

1. Siamo più stupiti o spaventati dal fatto che Dio paragona il suo rapporto con la Chiesa a quello della coppia, quindi della nostra coppia? Che cosa ci stupisce e cosa ci spaventa?

2. Siamo consapevoli che siamo chiesa domestica e che siamo vocazione, mistero e ministero? Quali gesti compio, in famiglia, perché si possa sperimentare che è “Piccola Chiesa”? (perdono - preghiera - servizio - accoglienza -  speranza - ecc.)

3. Le fragilità, le imperfezioni, le incomprensioni che viviamo tra noi sono simili a quelle che si vivono nella Chiesa: ci sforziamo di vivere nella preghiera anche questi “limiti”? Nei confronti dell'altro/a e della nostra comunità, abbiamo uno sguardo fatto di stupore e di accoglienza, di umiltà e di affetto, di dedizione appassionata e fedele?

Domande per il Gruppo familiare

1. Quali punti della dottrina della Chiesa “una, santa, cattolica” troviamo difficili da accettare e cosa facciamo per riuscire ad osservarli anche se ci costa fatica?

2. Qual è il nostro sguardo nei confronti della parrocchia in cui viviamo: la vediamo più come istituzione, organizzazione burocratica, struttura di solidarietà e beneficenza, agenzia educativa... o è altro?

3. È palese, dalle scelte che fa e dai progetti che ha, la sua origine trinitaria? Come possiamo aiutarla, in quanto famiglie, ad essere famiglia di famiglie?

Concludiamo pregando

(Credo nel popolo di Dio, Professione di fede pronunciata da papa Paolo VI il 30 giugno 1968 alla chiusura dell'Anno della fede e nel diciannovesimo del martino dei santi Apostoli Pietro e Paolo)

Noi crediamo nella Chiesa, una, santa, cattolica e apostolica, edificata da Gesù Cristo sopra questa pietra, che è Pietro.  

Nel corso del tempo, il Signore Gesù forma la sua Chiesa mediante i Sacramenti, che emanano dalla sua pienezza.

È con essi che la Chiesa rende i propri membri partecipi del Mistero della Morte e della Risurrezione di Cristo, nella grazia dello Spirito Santo, che le dona vita e azione.

Essa è dunque santa, pur comprendendo nel suo seno dei peccatori, giacché essa non possiede altra vita se non quella della grazia: appunto vivendo della sua vita, i suoi membri si santificano, come, sottraendosi alla sua vita, cadono nei peccati e nei disordini, che impediscono l'irradiazione della sua santità.

Perciò la Chiesa soffre e fa penitenza per tali peccati, da cui peraltro ha il potere di guarire i suoi figli con il Sangue di Cristo e il dono dello Spinto Santo.

Noi crediamo che la Chiesa, che Gesù ha fondato e per la quale ha pregato, è indefettibilmente una nella fede, nel culto e nel vincolo della comunione gerarchica.

Noi nutriamo la speranza che i cristiani, i quali non sono ancora nella piena comunione con l'unica Chiesa, si riuniranno un giorno in un solo gregge con un solo Pastore. 

 

Vivere la fede

Organizziamo un incontro col parroco nelle nostre case per condividere i contenuti di questo incontro e decidere insieme cosa può fare la nostra famiglia per sentirsi corresponsabile della comunità, chiesa domestica nel senso pieno del termine.

 

 

 

 

 

                                                                    

Nessun commento:

Posta un commento